Loading

Il biscotto nel latte del neonato va messo?

…Cari mamme e papà, questa è proprio una delle domande che ricevo maggiormente in Direct!

Ho deciso allora ho di crearne un articolo chiarificatore finalmente, che possa esservi davvero d’aiuto, e che contenga all’interno tutte le spiegazioni dettagliate di cui avete bisogno.

 

Le vostre opinioni e dubbi

Leggiamo insieme le vostre opinioni, condividiamo i vostri dubbi, e consideriamo le info già in vostro possesso

  • ”Ho 2 bimbi di 3 anni e l’altro di 4 mesi, Gabriel e Peter… procederei col secondo come ho fatto col primo: è arrivato quindi il momento di biscottino e frutta (solo pera e mela naturalmente).” (MAMMA 1)
  • ”Ma che alimento sarebbe il biscotto? Io non sono d’accordo. Il latte basta eccome! Non va dato niente altro!” (MAMMA 2)
  • “Ho iniziato ad inserire il biscotto nel latte a mia figlia la settimana scorsa, quando ha compiuto 4 mesi e vedo che lo assume senza alcun problema (utilizzo 1 solo biscotto nel biberon del mattino e 1 in quello del pomeriggio, esattamente a colazione e a merenda).” (MAMMA 3)
  • “La mia pediatra mi ha categoricamente vietato qualsiasi cosa sino al 6° mese compiuto: niente mela, niente biscotti, niente creme di riso o semolino! Dice che il biscotto granulato nel latte, oltre a non essere nutriente non è nemmeno sano essendo un alimento industriale.” (MAMMA 4)
  • “Non mi sono mai posta il problema se fosse veramente nutriente o no il biscotto. Mio figlio verso i 5 mesi aveva preso il giro di non essere soddisfatto e piangere dopo ogni biberon dato; ho provato ad aumentare le dosi, ma nulla, gli stessi pianti. Un’amica mi ha consigliato il biscotto nel latte in aggiunta e devo dire che mi ha salvato, perché da quel momento Loris non ha più pianto dopo mangiato.” (MAMMA 5)

Facciamo chiarezza

biscotto nel latte 2

ORA FACCIAMO CHIAREZZA:

FORNIAMO DATI SCIENTIFICI E SMONTIAMO LE ABITUDINI ERRATE... E SOPRATTUTTO, FACCIAMO IL BENE DEI NOSTRI BAMBINI!

Il famigerato biscotto nel latte del neonato viene in moltissimi casi suggerito da amici, parenti o addirittura ancora qualche professionista.

Dovrebbe aver dei vantaggi inserire il biscotto… e invece non li ha!

NON HA BENEFICI e contribuisce a creare delle PROBLEMATICHE!

Sembra l’abbinamento perfetto, biscotto e latte, e invece…

Corsi consigliati:

€59€27

Corso Disostruzione Pediatrica Tagli sicuri, prevenzione e manovre

€ 69€ 37

Corso Massaggio del Neonato (0-18 mesi)

Perché il biscotto nel latte del neonato non è risolutivo ma è addirittura dannoso?

Pensiamoci un istante:

Il latte formulato è creato ormai per essere nutrizionalmente adeguato per il bambino che lo assume, per la sua fascia d’età precisa e anche rispettando eventuali sue particolari caratteristiche (intolleranze, carenze, problematiche di vario genere): non necessita in alcun caso e non prevede nessuna aggiunta esterna.

Facciamo un passo indietro per comprendere.

Il biscotto nel latteQuando furono ideati i primi biscottini, tra gli anni ‘50 e ‘60, servivano generalmente per arricchire di “sostanza” il latte offerto ai bambini, che non aveva nulla a che fare con un formulato specifico.

Era semplicemente ciò che c’era a disposizione sul territorio e facilmente reperibile per le famiglie, ovvero il latte di mucca (ma anche di capra o di pecora a seconda delle regioni di riferimento).

Dunque non esistevano purtroppo e non si utilizzavano prodotti pensati e studiati perfettamente come ad oggi è il latte in formula, dove tutti i componenti sono dosati al grammo e a norma di legge.

La saggezza popolare tendeva a far fronte a ciò a cui la scienza non era ancora arrivata, dunque semplicemente si faceva il massimo che si poteva fare in base agli elementi a disposizione, con non pochi risvolti problematici del resto.

Se la situazione sociale, culturale ed economica ai giorni nostri è differente proprio perché sono passati almeno 50 anni, dobbiamo riuscire a comprendere che è altrettanto opportuno abbandonare vecchie abitudini che non risultano più corrette ed in linea con la realtà odierna, con gli studi attuali e altrettanto coi prodotti in commercio a disposizione per la prima infanzia.

Per questo diciamo con grande certezza:

  • SÌ al latte in formula corrispondente alla fascia d’età (in alternativa al latte materno)
  • NO a qualsiasi contraffazione o modificazione della formula come possono essere ad esempio l’aggiunta di biscotti nel latte, in particolare del neonato.

Biscotto nel latte del neonato e alimentazione del bambino  

Il consumo alimentare dei bambini è altamente condizionato dalle abitudini e dalle caratteristiche dei cibi che proponiamo loro. Sapore, aroma, consistenza, talvolta addirittura il colore e la forma dei cibi influenzano le preferenze e il consumo alimentare dei piccoli. Tanto più elevato è il numero di esperienze di un determinato cibo, quanto più radicata è la preferenza che ne può derivare. 

La sola preferenza innata è quella per il dolce ed è molto importante tenerne conto nel momento in cui decidiamo di proporre il biscotto, granulato o meno, nel latte.

Nel farlo, infatti, rinforziamo inevitabilmente questa preferenza innata per il dolce, il che potrebbe poco alla volta indurre il piccolo all’esclusione, o al rifiuto, di cibi meno dolci e più salutari. 

Sensibilità ai sapori

E’ bene sapere che i quattro sapori primari sono: dolce, salato, amaro e acido.

Se da un lato la sensibilità ai sapori ci supporta nell’evitare l’ingestione di sostanze pericolose o dannose, dall’altro ci aiuta a regolarne il consumo. 

Il bambino, quindi, sin dall’inizio dello svezzamento va supportato nella costruzione del proprio gusto alimentare. Per farlo i genitori devono offrirgli, nei tempi e nei modi adeguati, i cibi corretti .

Aumentare la varietà dei cibi proposti aiuterà il bambino a sperimentare sapori e consistenze differenti guidando la costruzione del suo gusto personale.

Anche per questo questo motivo frutta e verdura vanno sempre proposti ben prima di dolci, gelati, biscotti ecc.

Biscotto industriale nel latte dal 6° mese

Il biscotto, granulato o meno, che può essere disciolto nel latte del neonato a partire dal sesto mese andrebbe assolutamente evitato (in particolare la sera per via del suo difficile smaltimento calorico). 

Esso infatti potrebbe non solo fornire un eccesso di apporto calorico ma, addirittura, condizionare il gusto del bambino fornendo un eccesso di zuccheri di cui il bambino non ha affatto bisogno. 

Come non bastasse, se poniamo particolare attenzione agli ingredienti di questi biscotti, ci accorgiamo che sovente contengono elevate quantità di sale (sodio), sostanza che va, invece, tenuta sotto controllo.

Più in generale, se abitui il tuo bambino al sapore “industriale” corri il rischio di disabituarlo al sapore originale degli alimenti. Questo potrà, non solo predisporlo ad una futura alimentazione scorretta, ma anche esporlo a disturbi alimentari e malattie, prime fra tutte l’obesità.

Data l’estrema importanza di questa materia legata a tutte le conseguenze che ne discendono, L’Unicef ha redatto un documento molto interessante sull’alimentazione dei lattanti e dei bambini che vale la pena conoscere. 

Biscotto nel latte: rischio ipercalorie.

!NON ALTERIAMO IL LATTE COL BISCOTTO RENDENDOLO IPER CALORICO!

  • Il biscotto nel latte del biberon aggiunge calorie non necessarie, e il bimbo/a che lo berrà come di consueto, assumerà inconsapevolmente una dose aumentata di zuccheri (mediamente 1 gr di zucchero per biscotto, che non è affatto poco).
  • Il biscotto cambia il sapore del latte, oltre a modificarne le caratteristiche nutritive, dunque il bambino/a potrebbe abituarsi rifiutando il latte in futuro senza biscotto aggiunto.
  • Il biscotto espone il bambino ad un abuso di zuccheri, ed è di fondamentale importanza non esagerare nel proporre alimenti salati o zuccherati o addirittura evitare sino ai 3 anni d’età.
  • Il biscotto così come per qualsiasi altro alimento, offerto prematuramente, prima dei 4 mesi, contribuisce a sviluppare rischi di allergie future.

Fame ulteriore del bambino

E se il bambino/a ha ancora fame dopo il pasto?

Come sempre diciamo: per non sbagliare va contattato chi di dovere!

Per gestire eventuali aggiunte e dosaggi, per valutare scatti di crescita e strategie, per fare domande e chiarire i dubbi, potete sempre affidarvi al consiglio del vostro pediatra o ad una figura specializzata come un’ostetrica o IBCLC.

Cari mamme e papà: bimbi belli, sani e felici anche senza biscotti nel latte!

Corsi consigliati:

€69€37

Corso Svezzamento - Autosvezzamento e Disostruzione Pediatrica

€ 85€ 39

Corso
Dormi Bene Bimbo (0-18 mesi)

Leggi gli altri approfondimenti sullo Svezzamento

seguimi su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.